Si chiama VRRS (Virtual Reality Rehabilitation System) ed è una delle apparecchiature più all’avanguardia nel campo della riabilitazione. Studiata per facilitare il percorso di riabilitazione motoria e/o neurologica (ad esempio a ictus, traumi, interventi protesici, malattie neurologiche), sfrutta la tecnologia della realtà virtuale. Ma cosa si intende per realtà virtuale? E in che modo un macchinario “virtuale” può dare benefici concreti in questo ambito? Ne parliamo con il dottor G. Pietro Salvi, Responsabile dell’U.O. di Riabilitazione della Clinica Quarenghi di San Pellegrino Terme, struttura da sempre particolarmente sensibile alle innovazioni tecnologiche sanitarie volte al miglioramento dei trattamenti clinici e riabilitativi, fra i primi centri medici in Italia a dotarsi di questa metodica.