Diretta Rai3 Tutta Salute all'IRCCS Bonino Pulejo di Messina: presentato il modulo di realtà immersiva VRRS

Il Professor Placido Bramanti, Direttore Scientifico dell' Irccs Bonino Pulejo Messina collegato in diretta con il programma RAI Tutta Salute del 29/11/2017 introduce il modulo di realtá immersiva del sistema VRRS.

 


ECNR Losanna - Presentazione della Dott.ssa Alemanno

Losanna, ECNR 25-28 Ottobre: la Dott.ssa Federica Alemanno dell'Ospedale San Raffaele di Milano presenta l'innovativa terapia del dolore con il nostro sistema Khymeia VRRS


VRRS e Telecockpit all'Ospedale San Raffaele di Milano: intervista al Dott. Iannaccone

Il giornale Huffington Post parla delle nostre tecnologie: intervista al primario del reparto di Neuroriabilitazione, il Dott. Sandro Iannacone dell'IRCCS Ospedale San Raffaele, nel quale vengono presentati tutti i vantaggi della teleriabilitazione, grazie all'utilizzo del VRRS Tablet Home e della postazione Telecockpit.

Ecco il link all'intera intervista.


RaiNews24: Khymeia, l'eccellenza italiana in teleriabilitazione all'Ospedale San Raffaele

La troupe di RaiNews24 "Basta La Salute" ha effettuato un servizio presso il Dipartimento di Neuroriabilitazione dell'Ospedale San Raffaele diretto dal Prof. Sandro Iannaccone, durante il quale le Dott.sse Federica Alemanno ed Elise Houdayer hanno erogato una sessione di teleriabilitazione domiciliare con l'innovativo sistema tecnologico Khymeia Telecockpit, eccellenza tutta italiana.


Trattamento multimodale nel dolore cronico all'Ospedale San Raffaele con il nostro sistema VRRS

L’Istituto Miller – Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presenta le novità per il recupero dei pazienti in ambito neurologico all’Ospedale San Raffaele di Milano, tra cui anche il nostro sistema VRRS usato per le nevralgie facciali.

Una delle patologie trattate con VRRS è la nevralgia del trigemino, una nevralgia facciale. Questo disturbo provoca dolori intensi brevi, ma ricorrenti, quasi paragonabili a scariche elettriche che possono durare da due secondi a due minuti. Il dolore può partire da varie parti del viso e segue il decorso del nervo.

Qui il link all'intero articolo


Riabilitazione neurologica: nuove metodiche all'Ospedale San Raffaele con il nostro VRRS

L'Istituto Miller - Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presenta le novità per il recupero dei pazienti in ambito neurologico all'Ospedale San Raffaele di Milano, tra cui anche il nostro sistema VRRS.

Qui il link all'intero articolo.


Trattati di Roma - Khymeia HandBox scelto tra i progetti di eccellenza europei

Il sistema Khymeia HandBox è stato scelto tra i 60 progetti di eccellenza cofinanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento dell’Unione Europea al centro della campagna di comunicazione realizzata dall’Agenzia per la Coesione Territoriale e dalla Rappresentanza della Commissione Europea in Italia con la collaborazione di tutte le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi Nazionali e Regionali. L’iniziativa rientra nell’ambito delle celebrazioni per il 60esimo anniversario della firma dei Trattati di Roma.


Riabilitazione post ictus a distanza all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani

Inserito dall’assessorato regionale alla Salute nella “Rete Telestroke”, che permette di eseguire la riabilitazione post ictus a distanza, l’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.

Si tratta di un sistema innovativo installato all’ospedale Pulejo di Messina che permetterà di seguire a distanza e in tempo reale pazienti ricoverati in quattro nosocomi siciliani, tra cui quello trapanese. La riabilitazione post ictus avviene grazie alla “Rete Telestroke”. Si tratta di un sistema innovativo installato all’Irccs Bonino Pulejo che permetterà di seguire a distanza e in tempo reale pazienti colpiti da ictus e ricoverati nelle sedi spoke dell’ospedale Cannizzaro di Catania, del Sant’Elia di Caltanissetta, di Villa Sofia a Palermo e del Sant’Antonio di Trapani.

Approfondimento di MediSalute TV sul nostro sistema VRRS nella Rete Telestroke a questo link


Sicilia, successo della rete di TeleNeuroRiabilitazione con il sistema VRRS

Presentata la Rete telestroke che prevede la costituzione del centro pilota Hub al centro neurolesi Bonino Pulejo di Messina e i quattro distretti Spoke: il Cannizzaro di Catania, il Sant’Elia di Caltanissetta, il Sant’Antonio Abate di Trapani e Villa Sofia a Palermo.

Qui i link ai vari articoli:


Prevenire il rischio di caduta? Al Galeazzi si può con il nostro sistema OAK

Il rischio di caduta è una delle più rilevanti problematiche per le persone con più di 65 anni (35-40% di questi). Nel 20%-30% dei casi, le cadute provocano danni come una riduzione della mobilità e dell’indipendenza, un aumento delle ospedalizzazioni e rischio di morte prematura. Tuttavia, la maggior parte delle cadute è potenzialmente prevenibile con una valutazione mirata all’identificazione del livello di rischio di caduta.

In questo contesto, è stato sviluppato un sistema innovativo e tecnologicamente avanzato basato su realtà virtuale, il sistema OAK, unico nel suo genere, che si propone come efficace strumento di valutazione, prevenzione e anche trattamento riabilitativo. I ricercatori e gli ingegneri dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi - guidati da Elena StucovitzGreta Castellini e Silvia Gianola - unica struttura in Italia ad avvalersi di questo macchinario, stanno attualmente sperimentando questo modello valutativo e di prevenzione in grado di dare una risposta concreta alla tematica rischio cadute.

Il sistema OAK, infatti, consente valutazioni posturometriche automatizzate (valutazione del controllo dell’equilibrio e delle reazioni posturali) atte a distinguere il livello di rischio del soggetto in tre classi: alto, medio e basso rischio. Le istruzioni al paziente durante la sessione sono fornite dal sistema in modalità automatica attraverso interfacce visive e uditive. Al termine della sessione, si potrà quindi individuare gli esercizi più critici per l’individuo e impostare un programma riabilitativo personalizzato. Un ulteriore importante aspetto del progetto è la replicabilità del modello su scala nazionale e dunque l’impatto sul SSN che avrebbe la possibilità di formalizzare un nuovo sistema di screening del rischio caduta nei soggetti anziani.

Link all'articolo.